Agricoltura BioDinamica

La biodinamica dovrebbe apportare benefici alla produzione agricola, in particolare al cibo, rendendola in maggiore equilibrio con l’ecosistema terrestre. Utilizza un approccio definito olistico[1], che considera come un unico sistema il suolo e la vita che si sviluppa su di esso. Si differenzierebbe dall’agricoltura tradizionale nella qualità delle sostanze, in particolare dei concimi, che vengono utilizzati per raggiungere quegli obbiettivi, che devono rispondere alle seguenti caratteristiche:

  • sono del tutto naturali;
  • non sono ammesse sostanze di sintesi (come i concimi artificiali), ma solo quelle considerate “naturali”.
  • favoriscono lo sviluppo della biodiversità animale e vegetale.

L’agro-omeopatia, per rendere ancora più bio i nostri prodotti, si rivolge a un gruppo di organismi vegetali tra loro diversi, riuniti a formare sistemi viventi complessi chiamati agroecosistemi. «Per questo l’approccio omeopatico all’agricoltura è decisamente più complesso», osserva Francesco Di Lorenzo.